Menu Chiudi

Foto e cartoline in bianco e nero raccontano Affori nel tempo che fu

Affori di un tempo nelle cartoline in bianco e nero

Prati, antiche cascine, tramvaj: il passato di Affori rivive nelle vecchie stampe in bianco e nero

Come e quanto è cambiata Affori nel tempo… uno dei sobborghi più antichi e produttivi del nord Milano cresciuto e sviluppatosi grazie alle importanti vie di comunicazione (la strada postale per Como e dal 1879 la linea ferroviaria per Erba delle Ferrovie nord) che hanno permesso lo scambio di merci e saperi tra la prospera Mediolanum, la Brianza e il nord Italia. Fino al ‘700 Affori era prettamente un fiorente borgo agricolo fatto di contrade e cascine sparse circondate da fertili campi coltivati percorsi da rogge e canali, rinomato luogo di villeggiatura molto apprezzato e frequentato dalla ricca nobiltà milanese per la sua aria salubre. Poi dalla seconda metà dell’Ottocento con l’avvento dell’industrializzazione e l’arrivo della ferrovia divenne un operoso rione manifatturiero ricco di officine e attività produttive e artigianali. Oggi, di quel passato praticamente scomparso, possiamo rivivere le atmosfere sfogliando i libri di Storia e osservando le vecchie cartoline e le stampe fotografiche in bianco e nero.

Affori agricola e industrializzata
Affori inizio del ‘900: il borgo circondato da campi agricoli e sterrati. L’arrivo della ferrovia favorì lo sviluppo di attività industriali che ne trasformarono il paesaggio e l’economia

MilanoAffori.it vi propone una interessante e curiosa carrellata di poetiche vedute in bianco e nero che raccontano e descrivono le incredibili trasformazioni urbane e paesaggistiche avvenute ad Affori negli ultimi due secoli. Abbiamo scandagliato gli archivi on-line e i portali dei social network alla ricerca di vecchie fotografie ma la vera, unica ed inesauribile fonte da cui abbiamo raccolto queste immagini è il nostro instancabile Storico-ricercatore-archivista afforese Luigi Ripamonti che da decenni colleziona, cataloga, archivia e condivide centinaia di fotografie corredate di preziose notizie storiche sul passato e il presente di Affori.

Affori-via-George-Sand-foto-anno-1930-circa
Affori via Geoge Sand in una inquadratura degli anni ’30

Di queste immagini ne diamo qui una prima panoramica con l’intenzione di crearne poi gallerie fotografiche in cui raggruppare le inquadrature di luoghi, strade e architetture del paesaggio afforese nell’arco del tempo.

Nell’articolo troverete i link di altri nostri articoli in cui sono proposte alcune gallerie fotografiche con inedite immagini che ripercorrono differenti epoche: Affori industriale, Affori e le devastazioni dei bombardamenti e il Carnevale afforese.

Le vecchie foto raccontano le trasformazioni del paesaggio, dei costumi e della vita nel corso del tempo

Luigi Ripamonti, inestimabile memoria storica di Affori

Luigi Ripamonti

Storico, documentarista, divulgatore della Storia afforese

In decenni di appassionate e costanti ricerche svolte negli archivi parrocchiali e in svariati fondi meneghini e nazionali, Luigi Ripamonti ha raccolto, catalogato e custodito centinaia di rare fotografie, preziosissimi documenti antichi, testimonianze inedite e curiosità del passato e del presente afforese.
Ha pubblicato moltissimi articoli apparsi sul mensile ABC e su La Buona Parola. Preziosi i suoi libri e volumi fotografici consultabili nella Biblioteca comunale di Villa Litta ove è allestito uno spazio interamente dedicato alla Storia di Affori.
Un archivio inestimabile di grande valore che Luigi Ripamonti condivide da molti anni scrivendo post sul gruppo facebook “non sei di Affori se…” mettendo a disposizione di tutta la comunità lo sterminato patrimonio storico-culturale acquisito e custodito in una vita.
Non solo libri e pubblicazioni. Moltissimi gli incontri e le conferenze tenute da Luigi Ripamonti nel magnifico salone delle Arti di Villa Litta o in speciali celebrazioni in Santa Giustina o in altri luoghi icone di Affori come l’antica chiesetta di San Mamete. Da non perdere l’occasione di ascoltarlo narrare curiosi aneddoti di luoghi e personaggi del passato afforese durante le feste in piazza e le passeggiate guidate lungo le vie del quartiere alla scoperta di angoli nascosti e spesso sconosciuti.

Scopri la storia di Affori alla biblioteca di Villa Litta

Biblioteca di Affori, scrigno prezioso di cultura ed eventi. Custodisce una sezione sulla Storia di Affori e di Milano

E’ situata nelle sale al primo piano della seicentesca Villa Litta di Affori

Non solo libri e pubblicazioni. Moltissimi gli incontri e le conferenze che si tengono nel magnifico salone delle Arti di Villa Litta. Immancabili opportunità per ascoltare Luigi Ripamonti che con grande appassionata narrazione ripercorre le mille vicissitudini e accadimenti che hanno cambiato il volto di Affori nei secoli.

Antiche corti e cascine, rogge e canali testimoniano il passato agricolo e l’anima paesana di Affori

Antiche cascine, casolari sparsi e villette, praterie e campi coltivati, officine e ciminiere, strade che sembrano essere deserte e desolanti perchè sgombre delle auto che oggi occupano ogni spazio possibile, carretti trainati da cavalli, ippovie e i primi tram elettrici di Milano, i mestieri di un tempo, i bombardamenti della guerra… Una moltitudine di flash che hanno immortalato un borgo, i suoi drammi e le sue incredibili atmosfere andate inesorabilmente perdute con le trasformazioni urbanistiche e industriali.

Affori-veduta-aerea-delle-antiche-corti-in-Via-Osculati-e-Viale-Affori
Affori veduta aerea delle antiche corti in Via Osculati e Viale Affori

Alcune delle antiche corti e cascine attorno a cui si svilupparono le borgate come Affori, Bruzzano e Dergano oggi non esistono più demolite e rimpiazzate da moderni e possenti condomini moderni di molti piani che hanno stravolto e cancellato l’antico aspetto di borgo agricolo e l’atmosfera paesana. Vedi la galleria di foto qui sotto:

Affori-antica-corte-La-Ferrarezza-via-Zanoli
Madonnine-e-immagini-edicole-votive
Affori-Via-Roma-oggi-Pellegrino-Rossi-cassina-La-Ferrarezza-tranvajno-bianco
previous arrow
next arrow
Shadow
Slider

Con l’arrivo della ferrovia e delle industrie Affori perde la sua anima di borgo agricolo

Nella seconda metà dell’ottocento, la città crebbe tumultuosamente grazie allo sviluppo delle industrie e l’arrivo di migliaia di operai e maestranze artigianali richiamate dalle grandi industrie in cerca di mano d’opera. I borghi ridussero sempre più repentinamente la loro vocazione agricola e i fertili terreni adibiti a pascolo e colture vennero convertiti in aree edificabili… MilanoAffori.it ha realizzato un approfondimento che potete leggere cliccando il box sotto “Affori industriale

Vecchia-Stazione-Affori-con-treno-a-vapore
Affori la vecchia stazione e i capannoni Prevosti
Stazione-Affori-treno-a-vapore-vecchia-cartolina-sgualcita
Affori FN elettrificazione locomotore diesel banchina passaggio a livello
vecchia-stazione-Ferrovie-Nord-Affori
previous arrow
next arrow
Shadow
Slider

Affori industriale

Con l’arrivo della ferrovia sul finire del 1800 anche Affori perde la sua anima agricola: officine, impianti, capannoni e ciminiere mutano drasticamente la vita, l’economia e il paesaggio dei piccoli borghi agricoli milanesi…

Affori industriale

Affori viene accorpata alla grande Milano e le strade cambiano nome

Con le trasformazioni urbanistiche e l’espansione della città anche i nomi di strade e piazze sono cambiati nel corso del tempo. Milano ha progressivamente inglobato le antiche borgate agricole che la attorniavano accorpando i Comuni autonomi dei Corpi Santi, tra cui Affori. Strade e piazze cambiarono più volte intestazione (anche per evitare il duplicarsi del nome con altre strade del centro storico). Giusto per citare alcuni esempi, l’attuale Viale Affori era intitolata a “Vittorio Emanuele II“; la Via Pellegrino Rossi era prima “Via Roma“; quella che oggi è via Astesani era allora “Via Montebello” e ancora prima si chiamava “Strada Comunale Postale Comasina“; Via Osculati si chiamava”Stretta del Malcantone“… Le cartoline qui sotto lo raccontano… Argomento che verrà approfondito nelle prossime gallerie fotografiche dedicate alle singole vie e strade afforesi.

Affori inizi ‘900 via Roma ora Via Pellegrino Rossi con uno dei primi tram elettrici di Milano
Quando i tram sferragliavano ad Affori
Quando i tram sferragliavano ad Affori

Ippovie e tranvaj Storia del Mombello

Affori sotto le bombe
Affori sotto le bombe

Le devastazioni dei bombardamenti

Carnevale afforese
Carnevale afforese

Sfilate, carri allegorici, maschere e costumi

Galleria di immagini della vecchia Affori

Cliccando sulle foto qui sotto potrete scorrerle e visualizzarle ingrandite.

La Storia di Affori dipinta sulle saracinesche

E’ il geniale progetto di Anna Maria Caracciolo: da un paio di anni giovani artisti dipingono a mano le serrande dei negozi utilizzate come tele pittoriche su cui riprodurre le vecchie cartoline e le vecchie foto in bianco e nero di Affori.
Le saracinesche dei negozi dipinte a mano riproducono luoghi e mestieri di una volta prendendo ispirazione proprio dal vasto archivio fotografico del Luigi Ripamonti, fonte inesauribile e inestimabile di nozioni e di conoscenza sulla Storia afforese.

La Storia di Affori dipinta sulle saracinesche

Affori e le devastazioni dei bombardamenti aerei

I racconti e le fotografie delle incursioni aeree della seconda Guerra Mondiale Vi raccontiamo le drammatiche testimonianze di alcuni sopravvissuti afforesi che vissero i terribili e devastanti bombardamenti aerei delle Forze Alleate su Milano. Anche Affori fu colpita: caddero decine di ordigni esplosivi e incendiari nelle notti del 14 Agosto 1943 e del 10 Settembre…

Biblioteca di Affori, non solo studio, ma uno scrigno prezioso di cultura ed eventi

Mostre, concerti e conferenze nelle splendide sale affrescate della seicentesca Villa Litta Modignani Tra gli oltre 35.000 libri e volumi raccolti nelle sale della Biblioteca di Affori, ampio spazio è dedicato alle numerose, preziose e introvabili pubblicazioni curate dallo storico Luigi Ripamonti sulla storia afforese. La Biblioteca comunale di Villa Litta è probabilmente una delle…

Foto e cartoline in bianco e nero raccontano Affori nel tempo che fu

Prati, antiche cascine, tramvaj: il passato di Affori rivive nelle vecchie stampe in bianco e nero Come e quanto è cambiata Affori nel tempo… uno dei sobborghi più antichi e produttivi del nord Milano cresciuto e sviluppatosi grazie alle importanti vie di comunicazione (la strada postale per Como e dal 1879 la linea ferroviaria per…

Il Carnevale Afforese rivive nelle vecchie immagini in bianco e nero

Una splendida carrellata di belle immagini del secolo scorso rigorosamente in bianco e nero ci fanno rivivere il Carnevale lungo le strade di Affori. Sfilate allegoriche, bimbi festosi in maschera su carri trainati da cavalli e trattori. Le fotografie in bianco e nero (archivio Oesse) condivise da Luigi Ripamonti, il nostro instancabile Storico Archivista: da…

Il complesso monumentale dei Sirenei: il restauro del 2012

I Sirenei, decenni di incuria e indifferenza di uno dei simboli di Affori e di Villa Litta, fino al recente restauro avvenuto nel 2012 Abbiamo voluto ricostruire la travagliata storia di questo scenografico Monumento di fine ‘700. Era il maestoso accesso al lungo viale che conduceva a Villa Litta. Una raccolta di articoli dal 2008 al…

Nei primi del ‘900 anche Affori perde la sua anima di antico borgo agricolo

Le grandi mutazioni urbane e sociali avvenute con la rivoluzione industriale A partire dalla seconda metà del 1800 l’arrivo della strada ferrata e delle prime officine industriali e artigianali trasformarono drasticamente la vita, l’economia e il paesaggio dei piccoli nuclei agricoli come Affori, Dergano e Bovisa. Testo, ricerca e impaginazione di Ermes Cordaro,   si…

Posted in Foto e Video reportage, Storia e Cultura

Altri articoli suggeriti su MilanoAffori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.